Georges Aperghis - Machinations

8 giugno 2008 21:00 @ Teatro Palladium
Share

Davanti al pubblico quattro donne, quattro voci, quattro manipolatrici. Ognuna seduta dietro un tavolo, vediamo le loro facce e le mani. Sopra ognuna di esse uno schermo.
Le loro voci pronunciano dei fonemi ancestrali della parola umana che vanno poco a poco a comporsi, in contrappunto, secondo le diverse misture di linguaggi. Questa materia informe giunge a organizzarsi a tratti in brandelli di discorso, essi stessi minati dalla fragilita' umana che regna sulla parola: balbuzie, spasmi, affanni...
In pratica un concentrato di fonemi e di diversi modi di pronunciarli, una breve storia immaginaria della nascita del linguaggio e delle difficolta' che si porta dietro.
Allo stesso tempo, le quattro interpreti, fanno apparire sugli schermi oggetti che hanno accompagnato l'esistenza umana fin dalle origini (foglie d'albero, sassi, ossa, dita, cortecce d'albero, capelli, sabbia, conchiglie, piume, ...). Cose che rappresentano la concretizzazione dei fonemi, come una evocazione verbale dell'oggetto. Accanto alle quattro donne, a una certa distanza da loro, c'e' un uomo di fronte al suo computer. Osserva attentamente e interviene a modo suo, mani- polando le loro voci, rivaleggiando in virtuosismi...

Chiciva

Nessuno sembra andarci per ora... e tu?

Lounge

Devi essere un utente registrato per discutere nel lounge dell'evento.
Registrati / login